Storia delle Suore FCJ a St. Anne d'Auray, Morbihan, Francia 1825 – 1929

Ste Anne d’Auray è un villaggio che dista tre miglia dalla città di Auray nella Diocesi di Vannes, Morbihan, in Bretagna. È famosa per i suoi pellegrinaggi, i cosiddetti ‘pardons’ in onore di St. Anna. Fino a quando Lourdes crebbe in popolarità,  St. Anne d’Auray era il pellegrinaggio preferito in Francia. Un centro vibrante di preghiera, fino ai giorni nostri che continua ad attirare numerosi pellegrini.

La Venerabile Marie Madeleine d'Houet, Fondatrice delle Suore FCJ, voleva che la Società si occupasse nel lavoro dei ritiri e St.Anne d’Auray era un ottimo luogo per  tale ministero. Le prime Suore arrivarono nel 1825 e formarono una comunità in una casetta nel cortile della chiesa. Il posto era così piccolo (c’era una sola stanza al pian terreno ed una soffitta) che le Suore dovevano ricevere  le persone nella sacrestia della chiesa. La loro vita di povertà  fece una grande impressione  sulle persone del posto.

Nel 1836, nella proprietà furono costruite una casa e una cappella. Le Suore davano lezioni alle ragazze del villaggio, e  dedicavano al lavoro dei ritiri metà di uno dei piani della casa che divisero in piccole camere per potervi ospitare chi faceva il ritiro. Marie Madeleine  andò a visitarle varie volte in questo periodo  e fece lei stessa un ritiro di otto giorni prima di partire per Roma nel 1826.  Le Suore ricevettero molto aiuto spirituale dai Padri Gesuiti.

Poco dopo il loro arrivo, le Suore cominciarono a sbrogliare il terreno per formare un piccolo giardino che col tempo fu trasformato in un  bellissimo parco. L’orto e i prati, con i loro sentieri ben progettati, avevano molti alberi da frutta, cespugli e fiori. In fondo al prato scorreva  un piccolo ruscello attraversato da tre ponticelli a cui diedero il nome dei Santi Angeli, di St. Anne, e di San Giovanni. Questi devono il loro nome a Padre Ferdinand Jeantier  SJ, un grande e beneamato ‘protegé’ di  Marie Madeleine, che frequentemente visitava quel luogo. Un laghetto chiamato Genezareth in fondo al boschetto completava quella scena idilliaca. 

ste_anne_dauray_gardens

Nel 1833 Marie Madeleine ebbe la gioia di dare l’abito religioso a nove nuove novizie… Le candidate continuarono ad arrivare. Nel 1863, trentanove postulanti ricevettero l’abito e trenta novizie pronunciarono i voti.

In questi primi anni Marie Madeleine inviava le  persone malate  della Società a St. Anne sia per recuperare la salute nell’aria buona oppure a passare i loro ultimi giorni circondate da cure affettuose.

ste_anne_dauray_church

Nel 1888 Madre Josephine Petit morì a St. Anne D'Auray. Madre Josephine aveva preso il posto di Marie Madeleine come Superiora Generale nel 1858. Essa lavorò senza trequa per la Società e per i trent'anni del suo generalto e la ste_anne_dauray_gravesu 'casa' che amò tanto fu St. Anne. Madre Marie de Bussy che  sostituì  Madre Josephine prese anche lei St. Anne  come base perché le piaceva la pace e l’atmosfera gioiosa che vi regnava.

La casa e la scuola a St. Anne erano conosciute come luoghi di gioia e di pace, ma all’inizio del nuovo secolo furono emanate delle leggi antireligiose. Nell’estate del 1903 le suore udirono del pericolo imminente per le religiose della cattolica Bretagna. Infatti a causa della nuova legislazione, alcune religiose dovevano lasciare le loro case e cercare rifugio altrove oppure dovevano tornare nelle loro famiglie. Nel giro di tre anni anche le Suore FCJ  e le alunne di St. Anne dovettero partire.

Il 1905 iniziò con presagi bui su St. Anne. Il 21 Febbraio fu fissato come giorno di festa per l’arrivo del nuovo Vescovo nella sua diocesi ma i rappresentanti del governo scelsero proprio quel giorno per un’ispezione nella basilica di St. Anne per fare un inventario dei suoi contenuti. 20.000 Bretoni si radunarono per difendere la loro Basilica.  Gli addetti dovettero battere in ritirata e l’arrivo del Vescovo fu rinviato al 13 Marzo e vi giunse di notte. La Domenica di Pasqua del 1905  una novizia FCJ fece i voti e quella fu l’ultima cerimonia per 20 anni a St. Anne d’Auray.

Nel mese di Febbraio 1906 arrivò l’Editto di Chiusura  e a Settembre, nella festa dell’Esaltazione della Croce il pensionato e il noviziato furono sgomberati. Le Suore confidavano in Dio; le ultime parole degli Annali  del 1906 sono: ‘Laus Deo Semper.’

Nell’anno 1919 alcune FCJ tornarono per  dirigere le  riparazioni nella casa della comunità, la sola parte della proprietà che fu loro consentito di occupare. Nel mese di Settembre del 1919 il noviziato riaprì e nel 1922 ebbe luogo la prima cerimonia di presa d’abito e di  professione. Tuttavia, nel 1925 le novizie lasciarono St. Anne  con grande rammarico della comunità. inoltre i tentativi per riprendere il loro ministero non ebbero successo e le suore FCJ decisero di ritirarsi.

sadauray_house

Nel 1929, l’ultimo anno a St. Anne, fu molto difficile. Poiché non vi erano alunne, la casa fu priva di acqua, riscaldamento e luce durante quell’inverno così rigido.  Si doveva cercare l’acqua dal pozzo in qualsiasi tempo e la loro unica illuminazione era fornita da lampade ad olio messe in Cappella e nella Sala Comune.

Vi fu una Messa di Ringraziamento nella Basilica di St. Anne per i cento anni di servizio generoso delle Fedeli Compagne di Gesù. Quando tutto fu pronto le chiavi furono consegnate alle Suore dello Spirito Santo che subentravano. Il mattino del 21 Settembre del 1929 le FCJ lasciarono St.Anne per l’ultima volta.

La casa in seguito venne conosciuta con il nome di Keranna, (in Bretone = casa di Anna) ed ora è un centro per persone anziane e  malate delle Suore dello Spirito Santo.

sadauray_mini

Per leggere un resoconto più completo della storia delle Suore FCJ a St.Anne clicca qui.

 

windows_mini
Quando fu costruita la cappella attuale nel 1876, le alunne dei vari pensionati FCJ fecero dono delle finestre. Ammirate alcune di queste bellissime finestre qui.

 

Le Fedeli Compagne di Gesù salutano le Suore dello Spirito Santo.
Esse hanno servito a Keranna negli gli ultimi 80 anni.
Esse curano le tombe delle FCJ ed offrono sempre ospitalità con molta gentilezza
quando le FCJ fanno loro visita.
Sono state le Suore dello Spirito Santo a dare le bellissime foto usate per illustrare questo articolo.

Ad Maiorem Dei Gloriam.