Section tiltle text: Our Mission.

Racconti circa i Ministeri

Siamo sempre inviate in missione. Il modo in cui viviamo la nostra missione(il nostro ministero)varia a seconda delle circostanze e dei nostri doni e capacità particolari.

Le seguenti FCJ vorrebbero raccontarvi qualcosa sui loro ministeri:

Fransisca Arti Setiati
Elizabeth Brown
Margaret O'Donohue
Eileen Foley
MaryAnne Francalanza
Marguerite Goddard
Francis Gough and Stanislaus Cowper
Madeleine Gregg
Bonnie Moser
Afra Primadiana
Veronika Schreiner
Paola Terroni
Joanna Walsh

Rainbow gradient divider.

 

Un’Esperienza che dona vita e allo stesso tempo è una sfida           Fransisca Arti Setiati, fcJ

Vivere come fedele compagna di Gesù (FCJ) è stata un’esperienza vitale e una sfida. Avendo rinnovato i miei voti nel 2006, ho avuto l’opportunità di cambiare il mio ministero dall’insegnamento  all’Università di Sanata Dharma allo studio della Teologia alla Yarra Theological Union (YTU), a Melbourne. Australia dove sono in contatto con molte persone la cui cultura è diversa dalla mia.

Photos of Sisca and others.

Sisca with a friend.Essere compagna condividendo le culture.

Trovo che la mia vita come compagna si approfondisce man mano che mi sposto in un altro luogo con la compagnia dei miei amici studenti e del personale docente a YTU. Prima, frequentai la Scuola Estiva ‘Cross Cultural’ a Sydney dove imparai cosa significasse ‘Cross Cultural Issues’ e dove feci nuove amicizie con cui condividere queste nuove esperienze e rimango tuttora in contatto con alcuni di loro. È stata una gioia imparare circa le loro culture e poter condividere la mia cultura indonesiana con loro. Mi dà l’opportunità di sperimentare i valori del Vangelo come la tolleranza, il dialogo e la riconciliazione. Questa vita di compagnia mi offre l’opportunità di crescere nella mia sensibilità, conoscendo e comprendendo gli altri e la loro cultura.

Dinner with the FCJ community.Essere compagna attraverso l’ospitalità

Arrivando in un nuovo paese dove la lingua non è la tua può essere penoso. Siccome l’Inglese è la mia terza lingua (la prima è il Giavanese, poi l’Indonesiano), mi sento chiamata ad essere sensibile e di compagnia con i miei compagni/e di studi specialmente di coloro di cui l’inglese non è la loro lingua madre e ad aiutarli a rendersi conto che non sono soli.

Creare un’atmosfera di accoglienza e offrire ospitalità è un atto di compagnia. La nostra Comunità FCJ dove abito offre alloggio a giovani donne. Abbiamo anche la gioia di accogliere amici/amiche che vengono per una preghiera e per un pasto.

FCJ Community with Sisca and guests.Essere compagna condividendo la spiritualità

Oltre allo studio, mi sono anche impegnata con la Comunità Cattolica Indonesiana a Melbourne, specialmente con studenti indonesiani. Sto facendo un cammino con loro come compagna. Essi vengono nella nostra Comunità tutti i mesi per una preghiera e condivisione.

Essere compagna con Gesù

Come fedele compagna di Gesù, realizzo la mia compagnia con Gesù nella preghiera e faccio mia la sua missione. Come donna in missione, rispondo all’”ho sete” di Gesù rendendomi disponibile ad essere inviata. Dopo aver finito i miei studi a Melbourne sono stata destinata a Myanmar per stabilirvi una comunità con due altre FCJ, una dall’Irlanda e un’altra dall’Indonesia. È stata un vera gioia poter condividere il nostro carisma FCJ con le persone che camminano accanto a me e di rendermi conto delle sfide di viverlo oggi con integrità e impegno. Che privilegio oltre ad essere una responsabilità!

Photo of Sisca, her community and guests at a Eucharistic celebration.

Rainbow gradient divider.

 

Life is full of surprises                                                                              Elizabeth Brown, fcJ

Photo of Elizabeth Brown.Isn’t it strange? Today I find myself in a completely different world to the classroom. I’ve moved on from teaching little ones to walking with the elderly. My name is Elizabeth Brown and I’ve been a faithful companion of Jesus since 1984. I live and work in Melbourne, Australia.

Over the last 5 years I’ve been connected in some way with those who are no longer able to look after themselves. I’ve worked as a Home Care worker for one of our local city councils whilst at the same time studying at University. I chose a Course called “Community Services: Lifestyle and Leisure”. This Course has entitled me to work in Nursing Homes as a Diversional Therapist. Quite a career change from the classroom where I taught multicultural children for 25 years.

Now you may ask, “What is a Diversional Therapist?” As a Diversional Therapist I work with the frail and elderly. I provide them with activities that help to keep them interested in life and motivated to come out of their rooms during the day. That is the main job description of a Diversional Therapist. In actual fact I believe there is more to my job.

I add another dimension to this role as a faithful companion of Jesus. I offer them a smile which breaks any language barrier or physical disability. This I truly believe thus enables me to bring Jesus into their world. I work in a 170 bed nursing home. All of the residents are high care with the majority of them suffering from some from of Dementia. They come from many faiths but the majority are Jewish. Our building is five storeys high so we travel many miles during the day. My shift is from 9:30am to 5pm. As soon as I step onto Level 4, which is my responsibility, I don’t stop!

So take a walk with me now along the corridors of Level 4 and see how a nun walks alongside people of different beliefs. The personal carers are busy with their trolleys seeing to the bathing and grooming of the 38 residents on our floor. I give out the early morning newspapers. I turn towards the North End and go into Fred’s room. He is an interesting person. He lost all his family in the Holocaust. I asked him one day how did he survive? He wanted to be an engineer so he asked his Polish mother if she would give him her blessing, so that he could go to Palestine to study. She didn’t want to but she let him go. Fred never saw his family again. His parents and siblings were lost in the gas chambers. Fred and I get on really well. I open his door and there he is sitting in his chair, contemplating life. He often says to me, “ Isn’t it strange we get on with each other? You believe in your God and I don’t believe in any God. So why is it that we get on? It’s because we allow each other to live their life and we respect each other.” Fred then invites me to stay awhile and listen to him. When I leave he is sad but he understands I must move on to the other residents.

Next door I drop off the newspaper to Mamie. This lovely person comes to us from Scotland. She is amazing in that her whole day is taken up with reading the Newspaper. Poor Mamie has lost her present memory but her past is all intact. Mamie refuses to come out of her room. No amount of encouragment will entice her to move. Her secret to living is to have “a wee drop of sherry” everyday as this is how she managed her beloved Nursing job for 35 years when she worked for a famous doctor who never began the day without the “wee drop of sherry!”

My friend around the corner is Jewish and has no family back home in Austria; she has Parkinson’s Disease. Her husband also had this illness and died here 5 years ago. As the days go by you can see her body deteriorating little by little. Carmel comes to all the activities. She is totally dependent on all of us as she is confined to her wheelchair. Her zest for life keeps her going.

Dear old Alfred is next. About a month ago he lost his beloved wife from cancerous tumors in the brain. She was his world. I’ve been able to enter into his saddened heart through football. He himself is also suffering from cancer. He is what we call “ A Fair Dinkum Aussie”. He has been a real battler in his life. I often sit on his bed and ask him, “How are you Alf? He replies, “I’m okay.” So then I say, “But how are you really?” “You can’t believe how lonely I feel without my Dolores.” His eyes tell the true story as they fill up with tears. I’ll often find him in his automatic wheelchair going into the lift to venture outside for some fresh air.

Some of my next rooms provide a home for more Holocaust survivors. Their bodies are quite contorted and I often stand beside their beds wondering what stories their lives hold, that will never be revealed. Some of them no longer can communicate nor even feed themselves. All I can offer them is my loving presence. Towards the end of this wing stands an empty room. I know from past experience it won’t remain empty for long. The former resident who occupied this room died three weeks ago. It feels strange to see the room empty with Lily not being there anymore. Lily came to us very angry. She wanted to maintain her own independence. It took several months of quiet encouragement to coax her out of her room. At one stage she was going to take her life. Eventually Lily warmed to me and we became best of friends. Lily would always be found waiting at the lift for my arrival each morning wondering what the day ahead was going to be like. She secretly told me often that she wakes up feeling sad knowing that she was still alive. So I made her days enjoyable, with lots of fun. Lily eventually was granted her wish as she was riddled with cancer. I had the privilege of being with her before she died to say thanks to her for our friendship and to know God took her gently to His heavenly home.

I began this article with the line, “Isn’t it amazing?” This line sums up my darling old Joan who comes from a strong Catholic faith background in Scotland. Joan can’t understand that in every room she enters, there is a picture of her dear old mum. Joan will often say to me, “ I can’t understand it. Mum is here in all of the rooms.” I try and tell her that her mum is looking after her once again. Joan has no present memory so she often wants to go home to Glasgow. She knows the number of the bus but realises she hasn’t got the money. I stay with her and comfort her until she settles. She loves my badge and tells me that she knows what I am and that I must be a good person. Her face lights up when I enter the room as I seem to remind her of someone from her past. I don’t disappoint her as I try to enter her world.

All this happens at the beginning of my day before I’ve begun the activities for the morning. So as you can see, my job involves personal contact, one to one interactions, a listening heart and most of all patience. I feel the residents give me so much as they place their trust in me. It is like walking on the road to Emmaus, not fully realising that God is in our midst. Yet I know that God is in each and everyone of these lovely people who are entering their final journey of life. They have taught me that we all have a story to tell. Let us cherish what we can each offer each other. This job allows me to be truly a faithful companion of Jesus.

Rainbow gradient divider.

 

Life is full of surprises                                                                              Elizabeth Brown, fcJ

Photo of Elizabeth Brown.Isn’t it strange? Today I find myself in a completely different world to the classroom. I’ve moved on from teaching little ones to walking with the elderly. My name is Elizabeth Brown and I’ve been a faithful companion of Jesus since 1984. I live and work in Melbourne, Australia.

Over the last 5 years I’ve been connected in some way with those who are no longer able to look after themselves. I’ve worked as a Home Care worker for one of our local city councils whilst at the same time studying at University. I chose a Course called “Community Services: Lifestyle and Leisure”. This Course has entitled me to work in Nursing Homes as a Diversional Therapist. Quite a career change from the classroom where I taught multicultural children for 25 years.

Now you may ask, “What is a Diversional Therapist?” As a Diversional Therapist I work with the frail and elderly. I provide them with activities that help to keep them interested in life and motivated to come out of their rooms during the day. That is the main job description of a Diversional Therapist. In actual fact I believe there is more to my job.

I add another dimension to this role as a faithful companion of Jesus. I offer them a smile which breaks any language barrier or physical disability. This I truly believe thus enables me to bring Jesus into their world. I work in a 170 bed nursing home. All of the residents are high care with the majority of them suffering from some from of Dementia. They come from many faiths but the majority are Jewish. Our building is five storeys high so we travel many miles during the day. My shift is from 9:30am to 5pm. As soon as I step onto Level 4, which is my responsibility, I don’t stop!

So take a walk with me now along the corridors of Level 4 and see how a nun walks alongside people of different beliefs. The personal carers are busy with their trolleys seeing to the bathing and grooming of the 38 residents on our floor. I give out the early morning newspapers. I turn towards the North End and go into Fred’s room. He is an interesting person. He lost all his family in the Holocaust. I asked him one day how did he survive? He wanted to be an engineer so he asked his Polish mother if she would give him her blessing, so that he could go to Palestine to study. She didn’t want to but she let him go. Fred never saw his family again. His parents and siblings were lost in the gas chambers. Fred and I get on really well. I open his door and there he is sitting in his chair, contemplating life. He often says to me, “ Isn’t it strange we get on with each other? You believe in your God and I don’t believe in any God. So why is it that we get on? It’s because we allow each other to live their life and we respect each other.” Fred then invites me to stay awhile and listen to him. When I leave he is sad but he understands I must move on to the other residents.

Next door I drop off the newspaper to Mamie. This lovely person comes to us from Scotland. She is amazing in that her whole day is taken up with reading the Newspaper. Poor Mamie has lost her present memory but her past is all intact. Mamie refuses to come out of her room. No amount of encouragment will entice her to move. Her secret to living is to have “a wee drop of sherry” everyday as this is how she managed her beloved Nursing job for 35 years when she worked for a famous doctor who never began the day without the “wee drop of sherry!”

My friend around the corner is Jewish and has no family back home in Austria; she has Parkinson’s Disease. Her husband also had this illness and died here 5 years ago. As the days go by you can see her body deteriorating little by little. Carmel comes to all the activities. She is totally dependent on all of us as she is confined to her wheelchair. Her zest for life keeps her going.

Dear old Alfred is next. About a month ago he lost his beloved wife from cancerous tumors in the brain. She was his world. I’ve been able to enter into his saddened heart through football. He himself is also suffering from cancer. He is what we call “ A Fair Dinkum Aussie”. He has been a real battler in his life. I often sit on his bed and ask him, “How are you Alf? He replies, “I’m okay.” So then I say, “But how are you really?” “You can’t believe how lonely I feel without my Dolores.” His eyes tell the true story as they fill up with tears. I’ll often find him in his automatic wheelchair going into the lift to venture outside for some fresh air.

Some of my next rooms provide a home for more Holocaust survivors. Their bodies are quite contorted and I often stand beside their beds wondering what stories their lives hold, that will never be revealed. Some of them no longer can communicate nor even feed themselves. All I can offer them is my loving presence. Towards the end of this wing stands an empty room. I know from past experience it won’t remain empty for long. The former resident who occupied this room died three weeks ago. It feels strange to see the room empty with Lily not being there anymore. Lily came to us very angry. She wanted to maintain her own independence. It took several months of quiet encouragement to coax her out of her room. At one stage she was going to take her life. Eventually Lily warmed to me and we became best of friends. Lily would always be found waiting at the lift for my arrival each morning wondering what the day ahead was going to be like. She secretly told me often that she wakes up feeling sad knowing that she was still alive. So I made her days enjoyable, with lots of fun. Lily eventually was granted her wish as she was riddled with cancer. I had the privilege of being with her before she died to say thanks to her for our friendship and to know God took her gently to His heavenly home.

I began this article with the line, “Isn’t it amazing?” This line sums up my darling old Joan who comes from a strong Catholic faith background in Scotland. Joan can’t understand that in every room she enters, there is a picture of her dear old mum. Joan will often say to me, “ I can’t understand it. Mum is here in all of the rooms.” I try and tell her that her mum is looking after her once again. Joan has no present memory so she often wants to go home to Glasgow. She knows the number of the bus but realises she hasn’t got the money. I stay with her and comfort her until she settles. She loves my badge and tells me that she knows what I am and that I must be a good person. Her face lights up when I enter the room as I seem to remind her of someone from her past. I don’t disappoint her as I try to enter her world.

All this happens at the beginning of my day before I’ve begun the activities for the morning. So as you can see, my job involves personal contact, one to one interactions, a listening heart and most of all patience. I feel the residents give me so much as they place their trust in me. It is like walking on the road to Emmaus, not fully realising that God is in our midst. Yet I know that God is in each and everyone of these lovely people who are entering their final journey of life. They have taught me that we all have a story to tell. Let us cherish what we can each offer each other. This job allows me to be truly a faithful companion of Jesus.

Rainbow gradient divider.

 

Vivere la Compagnia a Yogyakarta, Indonesia                                 Margaret O'Donohue, fcJ

Photos of Margaret.Il Mandato del nostro Capitolo ci chiama:
Vivere la nostra identità come Fedeli Compagne di Gesù con entusiasmo.
Riconosciamo la centralità di ESSERE COMPAGNE nella nostra vita
                    e riconosciamo il bisogno vitale di testimoniarla nel nostro mondo di oggi.

Questi sono alcuni dei modi con cui cerco di vivere questo Mandato del Capitolo nella mia vita e nel mio ministero qui a Yogyakarta:

Compagnia con Gesù - trascorrendo tempo con Gesù in preghiera tutti i giorni sia a livello personale che comunitario. Riflettendo sulla sua vita e cercando di imitarlo in tutto.

Compagnia con le mie Sorelle in Comunità - Siamo cinque in Comunità tre suore di voti temporanei e una postulante.

Accompagnamento delle nostre sorelle in Formazione:: Condivido con loro la nostra Spiritualità FCJ; riflettendo sulla vita di Marie Madeleine e le nostre prime suore; accompagno ogni suora personalmente ascoltando, sostenendo, incoraggiando, e condividendo con lei speranze e sogni – essendole compagna nel suo cammino di fede.

Accompagnando gli studenti: Accompagnando gli studenti:

Condivido la compagnia con una comunità più ampia: L’Eucaristia con la Comunità Parrocchiale nella nostra chiesa parrocchiale e con un sorriso e un saluto per la gente che incontro tutti i giorni per strada.

Siccome la maggioranza dei nostri vicini sono Musulmani, è una grande opportunità per costruire buone relazioni Musulmano-Cristiane.

Photos of Margaret.

Rainbow gradient divider.

 

Terapia Famigliare                                                                                              Eileen Foley, fcJ

Lavoro come Terapeuta Familiare nel campo educativo in tre scuole diverse, due scuole primarie e una post primaria. Il fatto di essere stata un’insegnante di scuola media per un certo numero di anni è stato un vantaggio per me in questo lavoro.

Incontro le persone in una grande varietà di contesti – studenti, genitori, bidelli, genitori e studenti insieme, e altri operatori sociali e professionali collegati con gli studenti e le loro famiglie.

Incontro le persone in una grande varietà di contesti – studenti, genitori, bidelli, genitori e studenti insieme, e altri operatori sociali e professionali collegati con gli studenti e le loro famiglie.

Alcuni studenti mi vengono inviati da strutture educative a causa di un comportamento che richiede un intervento terapeutico. Altri, sia studenti che famiglie si presentano da soli.

La Terapia Famigliare è un termine ampio per indicare una serie di metodi di lavoro con le famiglie con difficoltà biopsicosociali. Cerca di evitare la tendenza a rendere patologici gli individui, o di colpevolizzarli, situando lo studente nel suo contesto cioè nei due sistemi principali della sua vita ossia: la famiglia e la scuola. La terapia Famigliare cerca di unire questi due sistemi insieme con un’azione interattiva come parte di una strategia terapeutica che ha a che fare con difficoltà.

La Terapia Famigliare è un termine ampio per indicare una serie di metodi di lavoro con le famiglie con difficoltà biopsicosociali. Cerca di evitare la tendenza a rendere patologici gli individui, o di colpevolizzarli, situando lo studente nel suo contesto cioè nei due sistemi principali della sua vita ossia: la famiglia e la scuola. La terapia Famigliare cerca di unire questi due sistemi insieme con un’azione interattiva come parte di una strategia terapeutica che ha a che fare con difficoltà.

La famiglia nucleare ha subìto cambiamenti crescenti nel suo modo di vivere in questi ultimi anni. Alcuni bambini e adolescenti si trovano in una situazione di ‘famiglia complessa’, dovendo fare i conti con nuove figure di adulti e di nuovi fratellastri e allo stesso tempo riprendere la loro relazione con uno dei genitori ovviamente assente.

Viene assicurata una confidenzialità adeguata. Mentre viene procurato un posto e un contesto sicuro per le persone affinché affrontino i loro propri problemi, cerco di incoraggiare incontri insieme come sforzo per capire – e spesso per essere informati reciprocamente!

Il mio lavoro mi invita a dedicarmi alle famiglie nelle loro difficoltà e in particolare ai giovani. Ascoltare le loro frustrazioni, sentire il loro dolore – senza biasimare né etichettare, a volte può portare ad una soluzione accettabile nella loro vita di sofferenza.

Mentre grazie a Dio, non porto con me i ‘problemi’, porto però le persone e la loro vita nel mio cuore.

Photos of Eileen.

Rainbow gradient divider.

 

Tutti sono i benvenuti!                                                                                      MaryAnne Francalanza, fcJ

Photo of MaryAnne.Vi è un inno che mi piace tanto e suona così:

Cerchiamo di costruire una casa dove le mani
vanno oltre il legno e la pietra,
per guarire e rafforzare, servire ed insegnare,
e vivere la Parola che hanno incontrato.
Qui l’emarginato e lo straniero
portano l’immagine del volto di Dio;
facciamo cessare la paura e il pericolo,
tutti sono benvenuti, tutti benvenuti,
tutti sono benvenuti in questa casa.

 

É diventato una specie di ritornello per la comunità dove vivo. Abito in una piccola comunità di FCJ  che accoglie giovani per venire a vivere con noi e fare esperienza della vita comune. Questo è fonte di vita per noi, e le giovani che sono venute per condividere la nostra vita hanno spesso fatto dei commenti sul modo in cui hanno sperimentato una  crescita personale e spirituale.

É sempre molto interessante oltre che una grande responsabilità, quando una nuova ragazza viene a vivere con noi. Alcune vengono per una settimana, altre per alcuni mesi, altre ancora sono venute per fare un anno di pausa e di esperienza. Accompagniamo queste giovani mentre si rendono utili alla gente del posto in varie attività di volontariato, ed esplorano il loro rapporto con Gesù.

Il mio ministero è duplice.

Di giorno insegno nella Scuola Cattolica FCJ di Belletive a Liverpool. Insegno matematica (hmmm…argomento che spesso scoraggia la conversazione) ma mi piace moltissimo. La mia materia continua a sorprendermi e le mie alunne mi trasmettono allegria e interesse!

Di sera e nei weekend lavoro con giovani adulti, organizzando ritiri, giornate di silenzio, pellegrinaggi, trovando modi per condividere la compagnia nella Cappellania Cattolica di Liverpool.

Photos of MaryAnne in her apostolate.

Durante il mio tempo libero, canto! Faccio parte del Welsh Choral Union di Liverpool e una volta per settimana ci esercitiamo per due ore. È una tecnica antistress magnifica!

La mia vita è per natura molto varia e Dio mi sorprende in continuazione con nuove sfide. Spero di essere capace di rispondere sempre con fedeltà al mondo dei bambini e dei giovani che cambia così velocemente….e spero di riuscire ad essere le mani di Gesù, i suoi piedi, il suo sorriso per tutti coloro che incontro.

Rainbow gradient divider.

 

Eccomi Signore, tu mi hai chiamata                                                                   Marguerite Goddard, fcJ

Photos of Marguerite in Salta with children playing in flood waters.

Eccomi Signore, tu mi hai chiamata! Il giovane Samuele- nel racconto di Sam1:v.1 – risponde quando si sente chiamato per nome, credendo che sia stato Eli il sacerdote anziano che lui serve nel Tempio di Dio a chiamarlo, e solo più tardi comprende che era stato Dio

Quando guardo indietro nella mia vita dall’alto dei miei 68 anni di cammino, penso che possa essere considerata come una serie di momenti di riconoscimento.

Non ho ancora incontrato Dio faccia a faccia e a volte mi chiedo se la mia vita sia una semplice ipocrisia mentre mi lascio così tanto assorbire nell’impegno quotidiano di ciò che c’è da fare che perdo di vista la presenza di Dio Tuttavia questi momenti sono sorpassati dalla costanza di quella Presenza in me.

Quando avevo tredici anni, ebbi un’esperienza della presenza di Dio come luce in mezzo alle tenebre. Non sono in grado di spiegarlo, ma era così profondo che non potrò mai negarlo. Da allora in poi sapevo che il significato della Vita è l’Amore. Dovetti cercare per saper come vivere l’Amore nella mia vita personale

Chiesi di essere accettata nella Società delle Suore Fedeli Compagne di Gesù perché volevo vivere l’ideale di compagnia con Gesù che nella sua vita umana espresse la pienezza dell’Amore. Allo stesso tempo, anche perché ciò che sapevo di queste suore mi dimostrava che vivevano la loro chiamata ad essere missionarie – persone che condividevano l’amore che avevano trovato con tutti quelli che incontravano.

Sapevo che ciò che potevo offrire come Cristiana per cambiare il mondo verso la felicità sarebbe stato molto limitato se fossi stata da sola, ma che in un gruppo, in una comunità, una congregazione religiosa che vivesse in modo autentico, questa possibilità sarebbe stata moltiplicata. Per questo motivo ero pronta ad abbandonare la mia indipendenza e a vivere nell’obbedienza.

Questa è una chiamata inusuale; essa implica l’abbandono di altre possibilità, specialmente la bellissima vocazione dell’amore coniugale e della famiglia. Credetti che fosse la chiamata per me. Nei primi giorni della mia vita con le Suore, negli Esercizi di Sant’Ignazio …30 giorni di preghiera e di silenzio, non avevo alcun dubbio che quella dovesse essere la mia vita, tutto sembrava collimare.

É passata molta acqua sotto i ponti da allora, ho avuto delle difficoltà in un modo o nell’altro ma non ho mai dubitato che qui sia il posto dove voglio e devo essere.

Negli ultimi 18 anni ho vissuto in America del Sud, in Bolivia e in Argentina. Prima di allora, ho vissuto in Europa dove mi sentivo altrettanto missionaria come lo sono qui in America del Sud.

Sono convinta che non sia dove viviamo, ma come viviamo, che fa la differenza nel nostro mondo, nel nostro pianeta. Sono tuttora, e sono stata molto felice come religiosa. Il giorno in cui feci i miei primi voti quando avevo 21 anni una suora più anziana disse: tu credi di essere felice oggi, ma non conosci ancora l’estasi della vita religiosa. Ricordo le sue parole ma allora non le compresi. Erano molto sagge e vere.

 

Quando si impara a vivere fuori dal proprio egocentrismo umano, Dio prende il sopravvento e tutto viene trasformato in gioia, nonostante le sofferenze che si incontrano. Questa è la mia esperienza. Questo è ciò che imparo dalle persone con cui vivo…le mie compagne nella congregazione e la comunità più grande di uomini e donne, bambini e giovani che costantemente mi spronano nella mia fede e con cui cammino tutti i giorni.

Photos of flood in Salta showing truck stranded in a hole in the road.

Rainbow gradient divider.

Servizio con una differenza... racconto di due che lavorano a maglia!
                                                                     Francis Gough, fcJ e Stanislaus Cowper, fcJ

Sr. Francis Gough, fcJ.Francis scrive: benché mia madre fosse bravissima a lavorare a maglia, non seguii sui suoi passi. Ma fu due anni fa, quando mi trasferii da un posto all’altro e sentivo una grande perdita di amicizie che cominciai a lavorare a maglia. Pensavo che sarei rimasta in una stanza con nulla da fare quando invece la mia migliore amica che ha un gruppo settimanale di lavori, mi mise in mano due ferri e mi fece iniziare uno scialle. Mi insegnò a lavorare a maglia e i punti diritto e rovescio. Quando finii due scialli mi fu dato il modello per queste bambole

Nel 1990, un soldato di servizio in Croazia scrisse a sua madre di mandargli alcuni piccoli giocattoli da poter portare in tasca per dare ai bambini. Lei cominciò a fare delle bamboline a maglia per suo figlio Izzy perché le distribuisse. Suo figlio fu ucciso e i soldati scrissero a sua madre di continuare con le bambole per continuare a darle ai bambini in onore di Izzy.

Un altro signore che fece dei viaggi in Africa visitò l’Orfanotrofio di Bondo, che serve 10.000 orfani. È diretto da ICross, una organizzazione no-profit con sede in Irlanda, con basi in Canada, Inghilterra e Tanzania.

Dopo questo incontro cominciò a raccogliere medicine per oltre oceano e alcune includevano attrezzature mediche per l’Africa.. queste bambole furono usate per l’imballaggio delle attrezzature. Le bambole furono date ai bambini, e per molti di loro, questo dono era la sola cosa che possedevano e che diede loro una grande gioia. Molti di essi sono morti e la bambola è stata sepolta con loro.

I nostri gruppi di lavoro a maglia si sono presi l’incarico di questo progetto per l’Africa e fanno anche delle maglie per i bimbi in Bolivia. Ogni serata di lavoro il gruppo termina con una preghiera che include una benedizione per ogni lavoro terminato. Sono felice di aiutare e di fare parte di questo gruppo e sentire che le nostre bambole portano gioia e conforto a questi bambini sfortunati

Knitted dolls for Africa.

Sr. Stanislaus Cowper, fcJ.Quando Claire Sykes venne in visita al Sacred Heart Convebt a Calgary, trovò che Francis faceva delle bambole per l’Africa da mesi. Claire chiese di avere una copia del modello e lo diede a Sr. Stanislaus Cowper fcJ che risiede nella Comunità di Redrif a Broadstairs. (Scarica il modello qui.) 

Sr. Stan è molto brava a lavorare a maglia (presepi a maglia sono una sua specialità) e adesso Bambole per l’Africa lo sono altrettanto. Stan usa i piccoli pezzetti di lana per le bambole e mischia i colori benissimo. Finora ha fatto 220 bambole che sono state inviate in varie parti dell’Africa. Alcuni nostri amici a Stella Maris sono in contatto con molti luoghi dove le bambole vengono inviate da Thanet nel Kent a diversi luoghi in Africa, Alcune sono andate a finire in Kenya, altre in Mozambico, altre ancora in Cameroun.

 

Rainbow gradient divider.

 

How I live out our charism of companionship...                                        Madeleine Gregg, fcJ

Come vivo il nostro carisma di compagnia come Fedele Compagna di Gesù? Posso rispondere a questa domanda a molto livelli. Madeleine in front of the College of Education.many levels. 

Sono insegnante in una Università in un College Pedagogico nell’Università di Alabama, Tuscaloosa. Come i miei colleghi insegno agli studenti undergraduates, masters, o ai livelli di dottorato nel dipartimento di Educazione Speciale e Programmi di Abilità Multiple. Faccio ricerca e pubblico. Sono nei comitati e sono anche direttrice del Programma delle Abilità Multiple, un programma per la preparazione di insegnanti elementari per le scuole pubbliche. Vado nelle scuole locali e offro delle lezioni tipo, consulto gli insegnanti, e offro vari tipi di aiuto. Per l’università, questo è il mio lavoro; per me, è il contesto privilegiato primario per il mio ministero come Fedele Compagna di Gesù.

Per vivere pienamente la mia vita come FCJ impegnata nel ministero a livello universitario significa che le idee FCJ, sistemi, e atteggiamenti sono in dialogo con le idee universitarie, i sistemi e gli atteggiamenti. Queste due sorgenti di vita si intrecciano, e la mia vita universitaria è colorata dalla vita FCJ e viceversa.

Le relazioni sono nel cuore del mio ministero, come sono nel cuore della missione che è stata affidata alla Chiesa. Interagendo con gli studenti, personale, e colleghi mi offre una infinità di possibilità per vivere il carisma di compagnia. Parte di quanto significa questo carisma, per me, è compagnia con la gente affinché possa avere il coraggio per fare il passo successivo nel loro sviluppo umano. Potrà essere un passo nelle fede, o nella loro vita di educatori, nella preghiera o nelle relazioni con gli altri. Il mio lavoro è quello di confermare le loro intuizioni e di incoraggiarli mentre rischiano di spostarsi verso qualcosa di nuovo, diventando una nuova e migliore versione di se stessi.

Costruire delle relazioni ed essere fedeli ad esse richiede una certa disponibilità, cioè un invito al sacrificio. Dovrò forse affrontare delle scadenze e degli elaborati propostimi, o una grande quantità di fogli o progetti da valutare, dissertazioni da legger, o lezioni da preparare, ma a volte qualcuno telefona o capita nel mio ufficio cercando ascolto, e una parola di incoraggiamento o un consiglio. Accettandoli come dono, credendo che Tutto è Dono nonostante ciò che appare a prima vista, vuol dire mettere da parte il ‘mio’ lavoro per essere disponibile a fare il lavoro do Dio.

Vivo anche il carisma di compagnia andando a Messa tutti i giorni o quasi. Infatti qualche volta, sono fuori nelle scuole, o devo tenere una lezione durante l’ora di mezzogiorno, oppure ho altri impegni nell’Università che mi impediscono di andare a Messa, ma ogni volta che è possibile, partecipo all’Eucaristia a St. Francis, la nostra Parrocchia e nostro Centro Cattolico Universitario. Compagnia con Gesù e con la gente della parrocchia celebrando l’Eucaristia è molto importante per me come Fedele Compagna di Gesù.

Di sera, una serie di attività mi offre delle possibilità di vivere il nostro crisma con gioia ed entusiasmo. Al lunedì, lavoro con i candidati a diventare nostri Compagni in Missione che sono in formazione, per due ore dopo cena. Al martedì, sono a Messa con gli studenti a St. Francis, condividendo con loro anche l’omelia e rimanendo per la cena e un po’ di conversazione spirituale. Il mercoledì, un gruppetto di donne viene con noi per la cena e per la preghiera. Il giovedì, seguo RCIA ( Il Rito dell’Iniziazione Cristiana per gli Adulti) a St. Francis dove faccio parte del gruppo che guida la formazione delle persone che vengono a fare piena comunione con la Chiesa Cattolica.

Picture of Madeleine with small child.Una volta al mese, alla domenica pomeriggio, incontro volentieri i nostri Compagni/e in Missione per condivisione spirituale e preghiera. Due di loro non abitano più qua quindi partecipano per telefono, il che costituisce una sfida per coordinare il gruppo.

Sr. Madeleine con una giovane amica di cinque anni, Sloane Donovan,
che viene da noi con sua madre alla Domenica mattina
dopo la Messa per una festa e per una lezione di piano
Carol Donovan è una collega e insegna con Sr. Madeleine
nel programma delle Attività Plurime a UA.

Offro anche dei giorni di ritiro per insegnanti di scuole Cattoliche e ogni tanto dei ritiri nei weekend nei fine settimana ai Compagni in missione o a giovani donne che cercano di discernere la loro vocazione, talvolta offro un ‘ritiro nella vita quotidiana.’ Seguito spesso dai parrocchiani di St. Francis. Il lavoro che faccio nel preparare un ritiro o una sessione per la formazione CiM, o RCIA mi offre il privilegio di rielaborare idee fondamentali circa il Cattolicesimo, il carisma FCJ, il vivere in comunità, o la spiritualità alla luce delle mie disposizioni, comprensione, interessi e impegno. Così il mio ministero serve come fonte primaria per la mia formazione continua. La formazione è ciò che mi rende più capace di, più pronta a, più desiderosa di, più forte e migliore. È il magis in azione, più che nel desiderio. Ho grande fiducia che i prossimi anni siano per me dei mezzi per una trasformazione, e pieni di vita come lo è stato la mia vita di FCJ fino a questo momento!

Rainbow gradient divider.

 

Ministero al College St. Joseph ...                                                       Bonnie Moser, fcJ

St. Joseph è il Collegio Cattolico all’università di Alberta dove sono iscritti 35.000 studenti. Il College è situato vicino al centro geografico del campus dove lo stimolo intellettuale di una grande università e la capacità di integrazione del pensiero e della vita Cattolica danno al College un significato unico. St. Joseph College è diretto dai padri Basiliani e appartiene alla Arcidiocesi di Edmonton.

Pictures of Bonnie at St. Joseph's College.

Uno dei più interessanti benefici di appartenere e di lavorare in una Cappellania con persone di fedi diverse all’Università di Alberta è l’incredibile collegamento che ha luogo ben oltre il mio ministero di cappellania e di insegnamento al College.

Padre Dave Bittner, Ron Laginski ed io siamo il gruppo della cappellania nel Campus dove 2000 studenti seguono corsi di Teologia, Filosofia, Sacra Scrittura, Educazione Religiosa e Bioetica. La nostra è una presenza pastorale nel campus dove aiutiamo a coordinare la formazione di tutta la persona puntando sulla integrazione dell’aspetto spirituale. Il nostro mandato è di formare gli studenti a diventare leaders specialmente nella comunità Cristiana. Gli studenti sono coinvolti attivamente nella vita liturgica del College e assistono i ministri del campus specialmente nella celebrazioni Eucaristiche, nella preparazione sacramentale nel RCIA (Rito di iniziazione Cristiana per Adulti).

Le attività includono l’animazione di vari gruppi come Giustizia Sociale ‘Ignite’. CWL (un gruppo di donne). Cavalieri di Columbus, Club Sociale Newman, Studio della Sacra Scrittura. Tutti i ritiri e la attività sono animati dagli studenti e dai campus leaders dei gruppi. Viene anche offerto un accompagnamento spirituale agli studenti..

Come già accennavo all’inizio, essere a St. Joe ha aperto molte possibilità per il mio ministero. Alcune di quelle che mi vengono in mente sono: offrire direzione spirituale e dare dei ritiri regolarmente fuori di St. Joe nel programma dei Dottori nel College di St. Stephen; fare volontariato a Ten Thousand Villages ( una organizzazione no profit, di mercato equo diretto dai Mennoniti); e un progetto recente e molto interessante con le Suore Orsoline per aiutare a dirigere gli Esercizi Spirituali di St. Ignazio nel Centro Providence. Prima che dimentichi – sono economa della Provincia delle Americhe il che mi permette di restituire qualcosa alla Società FCJ da cui ho ricevuto tanto.

Rainbow gradient divider.

 

Essere ed essere Compagna                                                                     Afra Primadiana, fcJ

Photo of Afra.'Suora, ti vesti come noi, lavori come noi. Fai la spesa te stessa come noi e soffri della mancanza d’acqua in casa come noi.

Quale è la differenza allora? Qual è lo scopo di essere una  sorella (suora)?'

Quale è la differenza allora? Qual è lo scopo di essere una sorella (suora)?

Adesso vivo ad Ende – Flores in Indonesia, dove la maggioranza è Cattolica. Il Indonesia, che è un paese Musulmano, ciò è molto raro.

Photo of a beach in Flores.Flores è un’isola bellissima nell’arcipelago Indonesiano. È anche una delle zone più povere, nessuna fabbrica sull’isola (quindi pochi posti di lavoro, e i prezzi sono alti), i trasporti sono molto difficili (strade in cattivo stato, battute dal vento, e in alcune zone: non vi sono le strade affatto e si deve semplicemente camminare per ore). In certe zone l’acqua è un lusso (in casa noi ce l’abbiamo per tre ore ogni due giorni tranne durante la stagione secca quando l’abbiamo una volta la settimana per un paio d’ore. 

Shopping at the market in Flores. Poverty in Flores.
Certo, è un’isola bellissima
E vi sono delle bellissime persone

 

 

E quando rifletto sulle loro domande circa la differenza tra loro e me , credo che la risposta sia nella chiamata ad essere Fedele Compagna di Gesù.

Afra with a young man. Afra with a group of young people.E nella mia vita oggi, significa essere compagna dei giovani di Ende – Flores.
Condividendo la fede ...
Nel loro intenso desiderio di amicizia e di unità ...
Nel loro cammino...
Nella loro ricerca...
Nel loro bisogno...
Con tutta la loro gioia, ansietà ed entusiasmo ....

Facilitating retreats and workshops.

 

Per fare tutto questo ci sono molti modi. Dirigo giorni di ritiro per giovani, organizzo workshops per formarli alla leadership e alla crescita personale: offro counselling e accompagnamento spirituale. Collaboro con il gruppo pastorale per i giovani della diocesi di Ende. In comunità, apriamo anche la nostra casa e condividiamo libri, musica, film con i giovani e con chiunque ne faccia richiesta. Sono tutti i benvenuti anche alla nostra preghiera.

Afra visiting someone who is sick.Alla fine,
É GESÚ che fa la differenza,
GESÚ in me, GESÚin tutte le persone che incontro, GESÚ in tutto quello che vedo
Sono soltanto uno strumento di Dio,
e la mia gioia è di poter danzare la danza di Dio,
Di essere un tramite dell’amore di Dio.

 

Rainbow gradient divider.

 

Compagna di Donne in Difficoltà                                                  Veronika Schreiner, fcJ

Photo of Veronika helping people in the Philippines organise an event.Dopo 19 anni nelle Filippine e 46 anni vissuti lontano dal mio paese, adesso ho la grande gioia di essere di ritorno in Germania. Nonostante si facciano dei grandi sforzi per adattarsi ad altre culture, non si perde mai la propria identità nazionale. Che benedizione poter adesso parlare di nuovo la mia lingua!

Ogni paese ha la sua propria bellezza, i suoi propri e unici tesori, le sue caratteristiche proprie e i suoi limiti e debolezze tipici. In un periodo di globalizzazione ho il privilegio e la fortuna di aver abitato in sei paesi diversi e di averne visitati circa venti. Abitando a Monaco incontro molta gente di un background culturale diverso, sia dal tipo di vita che conducono in un condominio di 20 piani dove vivo anch’io o nel mio ministero.

Collaboro con SOLWODI (Solidarietà con Donne in Difficoltà), un’organizzazione fondata da una Suora tedesca , Lea Ackermann, in Kenia nel 1985, e che ora ha il suo ufficio centrale in Germania. I membri si occupano di qualsiasi donna in difficoltà, ma specialmente di quelle che sono vittime di traffico e che sono finite nella prostituzione, o quelle che vengono in Germania come rifugiate o sono sposate con un tedesco. Quando hanno delle difficoltà, l’ufficio do SLWODI in diverse parti della Germania cercherà di aiutarle a seconda dei loro bisogni e desideri.

Sr. Veronika.Sto solo cominciando ad imparare circa le leggi, le molte e varie organizzazioni e le diverse e infinite ragioni per le quali donne straniere sono qui e come mai trovano la vita difficile.

La mia esperienza personale di essere stata una straniera per tutti quegli anni mi aiuta a capire la solitudine e le incomprensioni con le quali uno deve confrontarsi quando deve fare fronte ad una nuova cultura e ad una nuova lingua. Sono fortunata di essere qui e spero di essere una compagna per molte donne che hanno dei problemi.

Rainbow gradient divider.

 

Centro FCJ di Apprendimento e Sviluppo, a Manila                              Paola Terroni, fcJ

Photos of Sr. Paola in Payatas.Il mio ministero è quello di coordinare il Centro FCJ di Apprendimento e Sviluppo a Bagong Silangan, Manila, Filippine. Le persone con cui lavoro sono famiglie che furono spostate vicino ad una delle maggiori discariche di Metro Manila. Vi sono più di 500 famiglie nel vicinato, e tutte vivono in piccole abitazioni fatiscenti. Vi è una disoccupazione molto alta, e molti sopravvivono cercando tra i rifiuti tutto ciò che possono ricuperare per poterlo vendere. Altri hanno lavori saltuari da muratori, oppure guidano tricicli o jeepney. Il nostro Centro FCJ di Apprendimento e Sviluppo fu iniziato da Sr. Veronica Schreiner FCJ cinque anni fa. Negli ultimi cinque anni ho lavorato qui, e a Pasqua ho preso la responsabilità di coordinare il Centro e Sr. Veronica è ora tornata in Germania.

Mi piace il mio lavoro con la gente di Bagong Silang. Nonostante la grande povertà e la durezza vi è un meraviglioso spirito di gioia e di speranza dappertutto. Il Centro offre una varietà di servizi, assistenza medica settimanale, programmi educativi per donne, bambini e giovani, programmi per leadership, una Cooperativa con quasi 200 membri, una certa quantità di guadagno che genera dei progetti, programmi che aiutino le donne ad avere più fiducia in se stesse e a sviluppare i loro talenti. Inoltre abbiamo dei progetti per migliorare le abitazioni, per installare dei gabinetti, costruire dei serbatoi che raccolgano l’acqua piovana ed usarla per lavare e per pulire. Siamo coscienti dell’ambiente, e non è un compito facile vicino ad una discarica! Tuttavia, organizziamo la pulitura di strade e del fiume e cerchiamo di incoraggiare forme semplici di giardinaggio urbano. Il Centro è molto movimentato. Le Celebrazioni sono una parte importante del Centro, e sono sempre fonte di divertimento e di gioia. I membri dello staff sono molto affidabili, tre di essi sono donne del vicinato che hanno una conoscenza incredibile della zona.

Vedo il mio ruolo principale come di una che accompagna e incoraggia, che passa del tempo con loro, che cammina nella zona, ascoltando le loro storie,ciò è una parte importante del mio lavoro, pur insegnando anche inglese e cucina. Assieme allo staff, cerco di conoscere la realtà della zona, dei bisogni della gente e le loro speranze per un futuro migliore. Assieme prendiamo delle decisioni circa il programma che offriamo, e per come usare le risorse a nostra disposizione. Incoraggiamo sempre più la gente stessa ad rendersi responsabile dei vari programmi. Certo, è anche importante essere in contatto con altre agenzie della zona e collaborare.

Il lavoro aumenta in continuazione, vi sono sempre bisogni nuovi e inaspettate evoluzioni. Talvolta il solo peso della sofferenza umana e gli sforzi disperati possono scoraggiare. La capacità di reagire delle persone, la loro fiducia in Dio, il sostenersi a vicenda e il loro spirito gioioso mi è di ispirazione. Si ride sempre molto, e si può trovare molta gioia nelle piccole cose. Mi piace l’aspetto realistico del mio lavoro, mi piace l’incontro quotidiano con la gente, e sono commossa dalla loro apertura e la loro fiducia in me. È un vero privilegio per me lavorare con persone così affettuose ed essere in grado, in modo molto semplice, di camminare con loro mentre cercano di costruire una vita migliore per sé e per i propri figli.

Rainbow gradient divider.

 

Ecco come il mio Ministero mi guida verso il carisma FCJ                         Joanna Walsh, fcJ

Photo of Joanna.‘Insegnami ad essere una fedele compagna di Gesù’ Questa è una preghiera che è affiorata in me col passare degli anni. Con la fiducia e l’esuberanza dei miei 18 anni di ragazza americana, sono entrata nella Società negli anni 60. Avevo un’idea molto precisa su come le cose dovevano procedere in seguito. Quasi subito però la strada fu diversa da quello che mi aspettavo ed ha continuato a guidarmi verso luoghi (interiori ed esterni) che sono tuttora misteriosi per me. Così, dopo tutti questi anni, la preghiera è ancora sempre appropriata:
‘Insegnami, sto ancora imparando.’

La nostra è una Società apostolica. Non abbiamo la clausura è l’orario delle claustrali. Siamo inserite nella concretezza e nella specificità di un certo luogo del mondo. Immerse nella quotidianità, ci fidiamo della promessa della tradizione FCJ/Ignaziana che possiamo ‘trovare Dio in tutte le cose. Ho imparato che il Dio che trovo non è quello delle mie immagini irreali. È un Dio che ogni tanto è esigente, altre volte è umorista, a volte è enigmatico, e spesso ci sorprende. Il cammino è di trasformazione – ma cosa sarà il risultato finale nessuno può prevederlo. Come sarà vissuta la mia fedele compagnia con Gesù, nell’unicità della mia vita? Questo non è ancora del tutto chiaro. ‘Fidati del procedimento’ è stato un consiglio utile per me.

Così, adesso mi trovo a Durham, nella Carolina del Nord, negli USA del Sud. La vita e i ministeri qui continuano ad insegnarmi circa i vari aspetti del nostro carisma FCJ. Per esempio Gesù c’è. In questa parte prevalentemente Battista degli USA vi è una vivace dedizione a Gesù. ‘Hai una relazione personale con Gesù?’ è una domanda del tutto abituale. Il Battesimo è una scelta fatta da qualcuno che vuole ‘accettare Gesù nella sua vita,’ per rendersi disponibile ad essere ‘salvato/a’. Vivere in questo ambiente tiene la domanda viva in me: 'Joanna, chi è per te Gesù, questo fedele compagno?' 

Uno dei miei ministeri è nella formazione spirituale alla Duke Divinity School. Incontro tutte le settimane dei seminaristi del primo anno (quasi tutti protestanti) per aiutarli ad esplorare il senso della loro chiamata, imparare ulteriormente sulla preghiera e le ‘discipline spirituali,’ e aiutarsi a vicenda nel primo anno. Da nove anni ormai ho sentito di vari tipi di chiamata, e ho raccontato la mia storia ad ogni nuovo gruppo. Attraverso la comprensione di questi studenti ricevo nuovi chiarimenti sulla mia vocazione. Ad esempio, alcuni studenti dicono di aver resistito alla chiamata per anni, sentendosi indegni di essere dei pastori. Mi vengono ricordati i miei modi di resistere allo Spirito nel mio processo formativo. Sempre più, in questi gruppetti mi sento incoraggiata ad essere fedele alla mia propria chiamata.

Quest’anno, un’altra suora FCJ (Mary Leahy fcJ) ed io offriamo un nuovo programma per insegnare a dei laici come dare la direzione spirituale. Mentre noi Cerchiamo assieme a questi 12 uomini e donne cosa significhi ascoltare realmente l’esperienza della nostra vita e quella di un’altra persona e trovare Dio in essa, ciò mi porta a ri-esplorare quell’aspetto caratteristico del carisma FCJ: cioè il discernimento. Dov’è Dio nella specificità del mio vissuto quotidiano adesso? Come riesco a distinguere tra le varie ‘voci’ in me quella dello Spirito? Mi viene in mente la fortuna di avere una comunità di discepoli/e che mi aiutano nel discernimento.

In fine, l’aspetto della compagnia nella spiritualità FCJ è sempre stata per me una fonte di attrazione. Forse questo è il motivo per cui mi sento portata alla direzione spirituale, che mi permette di accompagnare un’altra persona nel suo cammino di fede. Sono stupita dal numero di volte in cui ho ‘sentito’ un invito da Dio per me stessa nella storia di chi dirigo! Ci sono delle persone che accompagno da anni, e posso vedere il valore di quella fedeltà nella relazione. Proprio oggi una persona che dirigo da tanto tempo ha rivisitato la storia del suo matrimonio andato a pezzi, trovandosi a fare un nuovo passo nel suo cammino verso l’ordinazione. Cosa deve lasciar perdere per essere fedele a Dio oggi?

Il carisma, la chiamata, è profonda e misteriosa. Non è qualcosa da afferrare e tenere una volta per tutte. Il bisogno e la preghiera riecheggiano sempre veri dentro di me: ‘Insegnami, o Dio, ad essere una fedele compagna di Gesù.’.

Photos of Joanna fcJ in mission.

Rainbow gradient divider.

Siate degne del vostro bellissimo nome con il vostro amore per Gesù –
        un amore dimostrato non solamente con sterili desideri
                     ma con coraggio nel servire Dio.     (Marie Madeleine)